A partire dal 29 novembre le imprese della Bassa Romagna che intendono rimuovere gli apparecchi dedicati al gioco d’azzardo potranno richiedere appositi contributi. La giunta dell’Unione ha infatti aderito a “Slot Free Er”, la campagna regionale di contrasto al gioco d’azzardo patologico cofinanziata dalla Regione Emilia-Romagna. I contributi si uniscono alle numerose azioni intraprese sul territorio per contrastare la diffusione del gioco patologico, come il marchio slot free, le attività informative organizzate in maniera capillare nei nove comuni e il divieto di aprire attività di gioco d’azzardo in luoghi sensibili (vicino alle scuole, agli ospedali, eccetera).

L’importo del contributo concedibile sarà di 800 euro per gli esercizi che già espongono il marchio “Slot Free ER”, 1.600 euro per ogni esercizio ubicato a meno di 500 metri dai luoghi sensibili e 2.000 euro per ogni esercizio ubicato a più di 500 metri dai luoghi sensibili. Le domande di ammissione al contributo devono essere presentate utilizzando il facsimile disponibile sul sito www.labassaromagna.it; la domanda deve essere firmata digitalmente dal legale rappresentante dell’impresa richiedente e inviata esclusivamente tramite Pec all’indirizzo pg.unione.labassaromagna.it@legalmail.it, indicando nell’oggetto “Denominazione impresa – Bando Slot Free – domanda ammissione contributo”. Ai destinatari dei contributi sarà attribuito anche il marchio Slot Free ER.“

Fonte: https://www.ravennatoday.it/cronaca/lotta-al-gioco-d-azzardo-contributi-per-le-attivita-che-rimuovono-le-slot-machine.html

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi